lista dei contatti=mercato del bestiame. E se le vacche si facessero pagare?

Ieri stavo creando una cartella sul mio account Dropbox, per condividere con un amico, assieme alla comune passione per il jazz, del materiale musicale.

Per permettergli l’accesso devo inserire la sua e-mail in un invito. Non me la ricordo; se però, per pigrizia, non avessi voglia di andarmela a cercare, mi viene in soccorso un’opzione facile-facile: cliccare su “importa dai contatti”. Siccome, oltre che amici trentennali, lo siamo anche su fb, il passaggio sarebbe veloce. Ma ATTENZIONE! I signori, per un indirizzo solo, mi chiedono candidamente di accedere A TUTTA LA LISTA DEI MIEI AMICI FACEBOOK! E di gestirla pure !!! Chiaramente vinco la pigrizia e vado a cercarmi su outlook l’email del mio amico. Ma se fossi stato un po’ distratto avrei chiaramente acconsentito (come ahimè deve essermi successo più di una volta).

Ora, qualche giorno fa ad un seminario ho appreso che ogni follower (amico, affiliato, quel che volete) di un brand, spende mediamente per quel brand 170$/anno in più degli altri Clienti (e per la moda 250$). Da cui, sia pure che una parte di quel valore l’azienda depositaria del brand lo deve mollare all’agenzia che gli ha fatto la campagna; sia pure che un’altra cospicua fetta la deve versare alla piattaforma che gli ha reso disponibile il suo database (facebook o chi altro); sia pure che non è detto che tutti i contatti esaminati diventino follower di un brand (ce lo vedete un rompiballe coriaceo come me chiedere l’amicizia ad un brand di ammorbidente per bucato?); però dico: perché in queste transumanze informatico-commerciali di bestiame non versate qualche spicciolo anche a me? In tal caso i dati del mio account li metto a disposizione volentieri.

Già che mi sono dato la stura, ne conto un’altra: al telefono di casa imperversano piazzisti di energia, gas, telefono e quant’altro (anche lì qualcuno gli ha dato il contatto, presumo). La mia risposta tipica era, di base: “va bene, mandatemi una bozza per email che la esamino: se è conveniente, lieto di passare con voi….”.

Troppo facile, loro non hanno questo mandato (!!!): il business model di questi faccendieri è di inviarti il contratto, su cui tu hai il diritto di recesso entro 10 giorni. Come ben sappiamo, uno dei grossi stratagemmi per ottenere vendite fisse è quello del tacito rinnovo, del quale il recesso su richiesta non è che un caso particolare. Le mie rimostranze con questi signori sono diventate orami abbastanza risentite e accusatorie. Nulla di personale, ma:

1) chiedo chi gli ha dato il mio numero (e ovviamente non ottengo soddisfazione)

2)faccio notare che:

– da che mondo è mondo, quando due parti fanno business, il proponente manda una bozza d’accordo su cui il “prospect” (io) medita e decide

– queste sono metodiche fortemente scorrette, con cui probabilmente ogni giorno fregano un po’ di sciure marie e capi di bestiame vari : ma verrà un redde rationem, gli auguro…

disclaimer: sotto può darsi troviate della pubblicità, a mia insaputa. L’ho fatto notare a wordpress e mi hanno risposto di non fare troppo il difficile: siccome mi danno un blog in cui mi esprimo gratis, se mi va bene è così. Perlomeno hanno rinunciato a infarcire i miei post (sì, proprio sulle mie frasi) di link multimediali a giochi on line più o meno d’azzardo, smartofoni a sorteggio, investimenti mirabolanti, incontri con signorine avvenenti e chi più ne avanza più ne metta.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in condizionamento, libertà, manipolazione, privacy, scrivere, società. Contrassegna il permalink.

2 risposte a lista dei contatti=mercato del bestiame. E se le vacche si facessero pagare?

  1. fausto ha detto:

    Quella delle proposte di contratto telefoniche li fa girare anche a me. Ho collezionato liti in piena regola durante questo genere di conversazioni.

    Per divertirsi: qualche tempo fa chiedo alla mia multiutility come devo fare per smaltire dei mobili vecchi, roba di lavoro. Uso il form di richiesta informazioni sul loro sito, mettendo la mia casella di posta assieme all’indirizzo dell’ente di appartenenza ed al numero di telefono. Mi hanno risposto con una lettera recapitata dal postino (nella quale mi scrivono che non se ne parla, e che se voglio informazioni devo telefonare al loro call center). Visto l’accaduto, non capisco perché ci preoccupiamo dei fax!

  2. sesto rasi ha detto:

    eh, che vuoi farci… mi sa che se cominciamo a raccontarcene una per uno di queste cose insceniamo una roba tipo due pensionati al parco… meglio accumularle e farne spunti da blog…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...